Mondo mutui

16 maggio 2013

News - Il tasso misto è la soluzione?

Tra fisso e variabile, io scelgo il tasso misto

Tra fisso e variabile, io scelgo il tasso misto

Il 2012, l'abbiamo visto, è stato l'annus horribilis dei mutui in Italia, la cui richiesta secondo il Crif è crollata del 50% con drammatiche conseguenze anche per il mercato immobiliare. Eppure, nonostante tutto, l'anno scorso (e anche i primi mesi del 2013) sono stati caratterizzati da migliaia di erogazioni del credito per la casa: un una buona notizia, in fondo, che porta a sperare che il settore possa vivere al più presto forti incrementi.

Detto questo, poniamoci il problema: qual è oggi la scelta migliore da fare in tema mutuo? Meglio un tasso fisso o uno variabile? Oggi più che mai hanno ragione i latini che dicevano: in medio stat virtus, la virtù sta nel mezzo. La volatilità dei mercati sempre in agguato, l'eterna presenza di un contesto generale europeo che, navigando a vista, ha sempre più necessità di riforme strutturali (anche per i prossimi anni) destinate soprattutto al consolidamento dei bilanci dei paesi in difficoltà, Italia inclusa, sono avvisaglie che la scelta giusta per il tasso del mutuo è a metà strada tra fisso e variabile. Guardando a ciò che è attualmente il mercato, la scelta migliore è il mutuo a tasso misto: basta avere un tasso d'ingresso variabile e indicizzato all'euribor e basta che sia possibile rinegoziarlo con tempistiche brevi.

L'euribor infatti, rappresenta la media dei tassi d'interesse ed è adottato da quaranta banche europee (che si fanno credito tra loro): è ancora ai minimi storici, sotto al tasso principale di rifinanziamento Bce, attualmente allo 0,5%. Visto che gli spread applicati dagli istituti di credito su questi prodotti sono più bassi, in media, rispetto agli altri, è facile capire come, se l'ammortamento inizia con questo tasso, la rata mensile sarà più bassa. Inizialmente dunque si paga meno poi, durante gli anni,  subentra l'utilità di esercitare un'opzione di cambio tasso, dal momento che l'euribor non può che aumentare - come indicano gli operatori sui future legati all'indice, quotati sul mercato Liffe di Londra -  e allora ecco copiosi rincari sulla rata mensile da corrispondere. Un esempio di mutuo di questi tipo, che consente di avere un tasso d'ingresso variabile e rivedibile ogni due anni, è quello di alcune banche che applicano lo spread in linea con le opportunità migliori attualmente disponibili, al 2,85%. Con un importo da 140 mila euro con loan to value al 70%, la rata mensile costerebbe 680 euro al mese con taeg del 3,33%.

    Scrivi un commento

    Il profilo dell'autore

    Franco Canevesio Franco Canevesio, genovese, è giornalista professionista specializzato in economia e Borsa.

    All'inizio negli anni '90 si è occupato di cronaca su La Repubblica lavorando al contempo come giornalista in alcune televisioni libere liguri. A Milano è stato redattore capo di Italia-iNvest.com, primo sito italiano specializzato in economia. Ha lavorato al sito “Lettera finanziaria” di Giuseppe Turani. Sulla carta stampata ha lavorato con Affari & Finanza ed è stato caporedattore di Finanza e Mercati. Attualmente lavora a MF-Milano Finanza.

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!