Euribor: come funziona e ultimi dati

Cos'è il tasso Euribor

L'Euribor è il parametro di riferimento che le banche utilizzano per decidere quale tasso applicare ai mutui a tasso variabile. Il sistema di riferimento dell’Euribor è entrato in vigore nel gennaio 1999, sostituendosi al Ribor (Rome Interbank Offered Rate), ed è un tasso interbancario di riferimento comunicato giornalmente dalla European Money Markets Institute. Viene calcolato come media fra i vari istituti bancari dell'area euro che consentono di avere interessi attivi per prestiti interbancari con altri istituti dell'eurozona.

Con la nascita dell’euro anche le banche si sono adeguate al sistema della moneta unica, introducendo il tasso interbancario europeo valido in tutte le nazioni che hanno adottato l’euro. Le banche applicano l’Euribor in base ai meccanismi di calcolo forniti dai propri sistemi, ma generalmente per i mutui che prevedono il rimborso attraverso rate mensile fanno riferimento all’Euribor a 1 mese. L’Euribor viene stabilito e trasmesso ogni giorno dalla Federazione Bancaria Europea con quotazioni a un mese, tre mesi e sei mesi.

Come viene calcolato

Questa media semplice viene effettuata attraverso un campione che contiene 19 banche, le più rappresentative dell'area euro. Per l'Italia, gli istituti presenti sono Intesa San Paolo e Unicredit. In precedenza era presente anche MPS, che però è stata esclusa all'inizio del 2019.

Il Global Rate Set Systems Ltd (GRSS) , entro le 10:45 di ogni giorno lavorativo, riceve i tassi di ogni istituto del campione ed effettua una media semplice di questi, escludendo il 15% di quelli più alti e più bassi. Alla fine la cifra viene approssimata a 3 numeri decimali.

Vi sono varie tipologie temporali di Euribor: a 1 settimana, a 1 mese, a 3 mesi, a 6 mesi e a 12 mesi. Il tasso Euribor è fondamentale se hai deciso di optare per un mutuo a tasso variabile: la quota di interessi da pagare sarà infatti calcolata con il tasso Euribor + uno spread applicato dall'istituto bancario di riferimento. Quindi, se l'Euribor fosse 0 e lo spread applicato l'1,5%, il totale degli interessi calcolati sarebbe l'1,5%. Ovviamente, se il tasso Euribor salisse, la rata complessiva risulterebbe più cara e viceversa.

Tasso Euribor ad oggi

Il tasso Euribor a 6 mesi, nel 2020 e nel 2021, si è mantenuto negativo, a -0,5% circa. Da inizio Gennaio 2022 è iniziato a crescere in modo marcato e ora si trova intorno all'1,3%. Questo è dovuto all'aumento dei tassi di interesse da parte della BCE, legato all'inasprimento delle condizioni del mercato monetario. Per questo motivo, per ottenere denaro in prestito sono richiesti interessi più alti, anche fra istituti bancari. È prevedibile, inoltre, che con il susseguirsi del rialzo dei tassi di interesse sul costo del denaro, l'Euribor continuerà a crescere nei prossimi anni.

Contenuti della sezione

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo