Mondo mutui

28 ottobre 2011

News - Meno i mutui a rata costante

Mutui a rata costante e durata variabile: perché non piacciono e sono rari

Mutui a rata costante e durata variabile: perché non piacciono e sono rari

Mutui a rata costante e durata variabile: sempre di meno e poco graditi, tanto che negli ultimi tre anni il loro calo sia aggira quasi intorno al 20%. Ma di cosa si tratta nello specifico? Il mutuo a rata costante è sempre un prodotto di finanziamento ipotecario a tasso variabile, che non vede variare l’importo della rata al variare del tasso Euribor a 3 mesi, vale a dire il “barometro” del costo del denaro in Europa fissato dalla Bce sulla basse dei tassi interbancari dei colossi creditizi del Vecchio continente. Allora perché sono sempre mutui a tasso variabile? Semplice: per questi finanziamenti, ciò che può contrarsi o allungarsi è la durata. Per queste ragioni sono sempre stati mutui destinati a una clientela di nicchia, cioè a coloro che guardano con attenzione all’andamento dei mercati.

Il fatto che questo segmento sia sempre disponibile sul mercato nostrano ha una ragione prioritaria, e una recente analisi dell’Ufficio Studi de “Il Sole24ore” lo ha evidenziato. La rata costante è sempre meno presente nelle offerte delle banche perché poco richiesta: nella percezione dei mutuatari gli spread del comparto sono troppo elevati, e spesso c’è come la sensazione che la convenienza di questi prodotti, che ambiscono a unire le caratteristiche “buone” del tasso variabile alle modalità di pagamento del tasso fisso, sia scarsa. O meglio: la convenienza c’è soltanto in quelle fasi in cui le previsioni circa i tassi siano in netto ribasso.

Di offerte ancora se ne trovano da parte delle banche italiane, ma c’è un altro aspetto da non sottovalutare: visti i tempi di crisi che viviamo, con le famiglie che si trovano alle prese con redditi sempre più “aleatori”, avere una rata costante col rischio però che la durata del mutuo si allunghi addirittura di anni, è una cosa che non piace più. Così, come spiega l’analisi, oggi si fa una scelta netta da subito: se non si vuol rischiare si va per il tasso fisso (segmento infatti in aumento), oppure si sceglie un variabile non “spurio”. Un peccato, perché nei suoi intenti, il mutuo a rata costante è nato per essere conveniente.

di Valerio Mingarelli

    Scrivi un commento

    Il profilo dell'autore

    Valerio Mingarelli Valerio Mingarelli, marchigiano, è giornalista professionista fin dall’età di 28 anni.

    Ha cominciato la sua carriera in ambito televisivo (TV Marche e TV 23) per poi passare alla carta stampata nel 2002 scrivendo prima per il Giornale dell’Umbria e poi per il Corriere Adriatico. Dal 2007 è al quotidiano Metro, testata internazionale fra le più diffuse, dove cura le pagine dell’economia scrivendo, fra l’altro, di assicurazioni, risparmio, mutui e immobiliare.

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!