Contro il caro affitti, la Spagna vara il bonus per giovani

La somma, però, potrebbe non bastare

La somma, però, potrebbe non bastare

Pubblicato il 12 ottobre 2021

Secondo i dati di Eurostat, i giovani italiani lasciano la casa dei genitori intorno ai 30 anni d’età, ma non sono gli unici. Anche i giovani spagnoli restano tra le mura familiari fino a quattro anni dopo rispetto alla media europea.

In Spagna, ma la stessa motivazione potrebbe essere utilizzata per spiegare il fenomeno anche in Italia, tale situazione è dovuta alla disoccupazione, alla precarietà del posto di lavoro e al livello dei salari, spesso troppo bassi per consentire il pagamento della rata di un mutuo prima casa o di un affitto.

La pandemia di Coronavirus ha causato inoltre nel Paese una riduzione dei redditi dei lavoratori di tutte le fasce d’età, pari a circa il 7%. Per questo motivo, il Governo, guidato da Pedro Sanchez, ha proposto una misura per andare incontro alle esigenze dei giovani e consentire loro di lasciare “il nido”.

Bonus per un massimo di due anni

Dal 2007, anno dell’ultimo boom economico, sono sempre meno i giovani spagnoli tra i 16 e i 29 anni che lasciano mamma e papà: si è passati dal 26% al 16%, mentre il tasso di disoccupazione giovanile continua ad attestarsi intorno al 33%.

Per incentivarli a lasciare la casa dei genitori e a pagare un affitto, il governo spagnolo guidato da Pedro Sanchez ha proposto un bonus mensile di 250 euro ai giovani e alle giovani tra i 18 e i 35 anni. La misura è stata annunciata in seno all’accordo per il bilancio generale del 2022 attraverso cui il governo Sanchez punta a favorire la ripresa economica.

Il bonus verrebbe erogato a chi ha meno di 35 anni, lavora e ha un reddito inferiore a 23.725 euro all’anno per una durata massima di due anni. La proposta si inserirebbe all’interno di un pacchetto di provvedimenti destinati al mercato immobiliare.

Secondo la ministra dei Trasporti Raquel Sánchez la somma stanziata, pari a 200 milioni di euro, permetterà di aiutare tra i 40 e i 50 mila giovani. Secondo il quotidiano nazionale El Pais si tratterebbe però di un traguardo molto modesto rispetto ai circa 600 mila giovani a basso reddito censiti dall’Istituto nazionale di statistica del Paese.

Non è la prima volta che la Spagna applica un bonus simile. Era già successo ai tempi del governo Zapatero: il bonus era di 210 euro ed era andato ai giovani tra i 22 e i 30 anni con un reddito inferiore ai 22 mila euro. A beneficiarne in quel caso però erano stati 350 mila.

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo