In Italia un mutuo su tre viene erogato da banche estere

Pubblicato il 13 August 2012

In Italia le banche straniere sono riuscite a sfatare una buona parte di luoghi comuni catastrofisti. Sono, per esempio, meno esposte sul debito pubblico nostrano anche se hanno aumentato la presenza nell'economia reale. A dirlo sono i numeri 2011 secondo cui gli impieghi delle banche estere in Italia sono cresciuti del 3%, contro un +0,7% delle banche italiane.

Dato ancora più interessante, le banche estere che operano nel nostro Paese dimostrano di non fidarsi del settore pubblico: cresce infatti, secondo il rapporto 2011 dell’Associazione tra banche estere in Italia, la quota di mercato degli istituti stranieri nel segmento dei mutui alle famiglie (che oggi rappresenta circa un quinto del totale) e restano in prima linea in quello produttivo.

Le banche estere, secondo l'Aibe, nel 2011 hanno aumentato la quota di mercato dei mutui erogati nel nostro Paese portandola al 19,6% dal 18,6% del 2010. Questo, dice l'associazione, anche perché le banche straniere riescono ad applicare sui finanziamenti tassi d'interesse più contenuti (circa 20 punti base in meno) rispetto alle banche italiane  concorrenti.

Sempre secondo il report dell'Aibe, il 28% dell’erogazione dei nuovi mutui è coperta da banche straniere che hanno visto crescere l'anno scorso la loro quota di mercato nel comparto finanziamenti dal 16,1% al 16,3%. Le banche estere coprono da sole il 13,7% della raccolta complessiva: la loro quota di mercato è composta per il 10% da filiazioni, ossia da stranieri che controllano società per azioni italiane, e da filiali estere per il 3,7%. Sempre secondo il report dell'Aibe è rallentata la caduta della domanda dei nuovi mutui richiesti da famiglie italiane pur se il dato rimane negativo rispetto al 2011.

Secondo le rilevazioni del Crif, a maggio si è verificata la contrazione del 38% nella richiesta dei mutui ipotecari: il dato resta pesantemente negativo ma si rivela comunque il migliore da inizio anno. Guardando bene l’andamento della domanda di mutui nei primi cinque mesi del 2012, secondo il rapporto del Crif, emerge una contrazione del 45% nella richiesta mutui rispetto allo stesso periodo del 2011.

di Franco Canevesio

Commenti

  • r rocchina gelonese2020-03-27 10:44:23

    Sono un'azienda agricola in fase di avvio e avrei bisogno di un mutuo per acquistare terreni agricoli; come posso fare? Grazie.

    Rispondi
  • C Cristina Bartelli2020-04-15 09:36:01

    Molti istituti di credito hanno offerte su misura che rispondono alla sua richiesta; ci sono anche portali che offrono una valutazione e un confronto delle diverse offerte esistenti sul mercato. Indichi le sue esigenze per avere delle valutazioni corrette.

    Rispondi

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio Franco Canevesio, genovese, è giornalista professionista specializzato in economia e Borsa.

All'inizio negli anni '90 si è occupato di cronaca su La Repubblica lavorando al contempo come giornalista in alcune televisioni libere liguri. A Milano è stato redattore capo di Italia-iNvest.com, primo sito italiano specializzato in economia. Ha lavorato al sito “Lettera finanziaria” di Giuseppe Turani. Sulla carta stampata ha lavorato con Affari & Finanza ed è stato caporedattore di Finanza e Mercati. Attualmente lavora a MF-Milano Finanza.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo