Corsa ai mutui under 36

Le prime offerte specifiche delle banche

Iniziano a arrivare le offerte degli istituti di credito che si rivolgono alla platea degli under 36 pronti all’acquisto della prima casa.

Unicredit, Intesa SanPaolo e Credit Agricole sono state le più veloci. Per le altre si tratterà di lanciare i nuovi prodotti per settembre quando anche il panorama normativo sarà percepito come più stabile.

Nell’offerta messa a punto da Unicredit si punta a offrire un tasso variabile di 1,61% per un mutuo 20 anni fino a 100 mila euro e 1,66% se si opta per il tasso fisso.

Intesa invece ha già pronta una doppia offerta per una richiesta di mutuo fino a 200 mila euro e rimborsi fino a 30 anni. L’offerta del tasso fisso è dell’1,05% per venti anni. Accanto a questi elementi spese di istruttoria gratis.

Se si ha un Isee sopra i 40 mila euro si cerca di coprire il loan to value dell’80% e si annulla l’imposta di finanziamento. Intesa poi consente di arrivare a coprire fino al 100% del valore legando però la condizione alla stipula di un'assicurazione.

Bper al momento valuta caso per caso le offerte di finanziamento under 36.

È possibile dai primi orientamenti emersi che le offerte delle banche affiancheranno le disposizioni normative per arrivare a una copertura fino al 100% della richiesta.

Credit Agricole invece propone una doppia strada con polizza: se si aderisce senza polizza si potrà avere un finanziamento fino al 100% della spesa e rimborso a 30 anni. I mutui sono offerti sia a tasso variabile sia a tasso variabile con cap e in questa ipotesi si può scegliere già in sede di stipula il tasso oltre il quale non andare.

C’è poi la possibilità di aggiungere il costo di una polizza e avere per questo un tasso più basso. L’offerta è studiata a chi supera il tetto Isee di 40 mila euro posto come condizione dalla norma per accedere alle condizioni di particolare favore della garanzia statale Consap.

Cosa prevede la legge

Il decreto Sostegni bis (dl 71/21 convertito nella legge 105/21) ha previsto che la garanzia statale per l’acquisto della prima casa sia elevata dal 50% all’80% per determinate categorie di cittadini che acquistino una prima casa, non di lusso, entro un valore di 250 mila euro.

Si tratta, in particolare di coppia coniugata o convivente more uxorio da almeno due anni, in cui almeno uno dei richiedenti non abbia compiuto 36 anni, una famiglia monogenitoriale con figli minori e giovani che non abbiano compiuto trentasei anni, conduttori di alloggi di proprietà degli istituti autonomi per case popolari.

Il requisito ulteriormente richiesto è che l’Isee (indicatore della situazione patrimoniale che rilasciano gratuitamente i Centri di assistenza fiscale o può essere compilato in maniera autonoma sul sito Inps) non superi i 40 mila euro l’anno. 

Inoltre, per tali categorie è previsto un tasso calmierato del finanziamento ovvero il tasso effettivo globale (TEG) non può essere superiore al tasso effettivo globale medio (TEGM), pubblicato trimestralmente dal Ministero dell’economia e delle finanze ai sensi della legge 7 marzo 1996, n.108, si veda il paragrafo successivo.

Per coloro che, pur rispettando i requisiti di accesso al Fondo, hanno un ISEE superiore a 40 mila euro annui, la garanzia resta al 50% della quota capitale.

La posizione di Consap, il super garante

Senza il fondo Consap e la sua garanzia le banche chiederanno a chi presenta la domanda di mutuo di avere una garanzia a fronte della richiesta.

Consap ha definito con le banche che aderiscono al fondo prima casa giovani di offrire mutui che non vadano oltre il tasso medio dei mutui. Il tasso medio attuale è 1,86% per il fisso e 2,22% per il variabile.

Le proiezioni di Facile.it

Gli effetti si vedono già sulle proiezioni e simulazioni di spesa per i mutui. Con un calo della rata tra prima e dopo Sostegni bis di 100 euro al mese sugli importi.

Secondo le simulazioni di Facile.it, grazie a queste condizioni i giovani possono risparmiare decine di migliaia di euro in interessi in virtù dei tassi ai minimi storici.

Ipotizzando un mutuo fisso al 100%, di importo pari a 126.000 euro da restituire in 25 anni, il miglior Taeg disponibile online per un under 36 è pari a 1,10%, con una rata mensile di 477,72 euro.

Un solo mese fa, per la stessa operazione, il miglior Taeg disponibile online era pari a 2,46% e la rata era di 552,65 euro; grazie a questi nuovi prodotti il risparmio per il giovane mutuatario è di quasi 900 euro l’anno, vale a dire circa 22.500 euro per l’intera durata del finanziamento.

3 agosto 2021 di

Altre news

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Ultimi approfondimenti:

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo