Il mutuo e la casa all’estero

Crisi e spread permettendo, il mattone resta la passione degli italiani. Acquistare la casa di proprietà in cui vivere con la propria famiglia è, infatti, più che uno status sociale del BelPaese. E anche se il 2012 resterà l’annus horribilis per le compravendite (crollate a picco del 20% secondo l’Agenzia del Territorio), all’estero l’entusiasmo per gli acquisti non risente di particolari scossoni.

Certamente non si può parlare neanche di un boom di acquisti come negli anni passati, ma secondo una recente indagine condotta da Immobiliare.it nel corso del primo semestre 2012 le ricerche di case situate in altri Stati sono cresciute del 9% rispetto allo stesso periodo del 2010.

Più che note le ragioni per cui si decide di andare a investire oltre confine. Il terremoto che si è scatenato sui mercati finanziari di mezzo mondo e la volatilità delle borse hanno spaventato gli investitori italiani che hanno così preferito spingersi verso il settore immobiliare straniero.

Numeri alla mano, sempre secondo Immobiliare.it, da gennaio a giugno di quest’anno le mete preferite dagli aspiranti proprietari di casa sono state la Costa Azzurra (12%), gli Stati Uniti (9%) e le aree turistico balneari della Spagna (7%). Mentre Brasile (+22%), Usa (+12%) e Berlino (+11%) quelle in cui si è registrato l’incremento maggiore delle ricerche. Ma anche i mercati emergenti, come Brasile o Thailandia, stanno scalando posizioni.

Una scelta, quella del mattone straniero, motivata anche dalla possibilità di concludere ottimi affari grazie al crollo dei prezzi registrato nel vecchio Continente, al contrario di quanto accaduto in Italia dove le quotazioni restano ancora elevate. Questo tipo di investimento risulta così alla portata, o meglio alla tasca, di tutti visto che il costo medio di un immobile è di circa 175mila euro, un ribasso garantito proprio dalla crisi economica.

Buone occasioni di investimento, insomma, anche per quanti non hanno una disponibilità economica cash dal momento che è sempre possibile ricorrere ad un mutuo. Ovviamente le procedure differiscono da quelle adottate per la prima o per la seconda casa in Italia: le politiche fiscali e giuridiche cambiano, infatti, da Stato a Stato. Questa, quindi, la motivazione per cui le banche italiane non concedono prestiti a chi non ha la residenza nel Paese dove si è deciso di acquistare l’immobile. Sarebbero troppi gli scogli burocratici da superare.

Per accendere un prestito per la casa oltre confine bisogna, così, rivolgersi a un istituto presente nel luogo dove si è deciso di comperare. Altrimenti è possibile chiedere aiuto alle banche internazionali che hanno filiali sia in Italia che nel Paese prescelto. In questo caso le procedure potrebbero essere più snelle, con la filiale in grado di svolgere una consulenza per l’erogazione del prestito.

O semplicemente si può ricorrere al web. Ormai tutte le banche hanno un sito Internet dove è presente una pagina ad hoc dedicata ai mutui in cui si possono ottenere tutte le informazioni utili per l’accensione. Alcune consentono anche di far partite la pratica on line.

Altra soluzione da percorrere è quella di rivolgersi a un intermediario presente nel Paese estero, come un’agenzia immobiliare. Certamente tra i servizi che offre ci sarà quello di consulenza per la richiesta del prestito.

Inoltre, tra le opzioni da valutare quando si è alle prese con la richiesta di un finanziamento per la casa estera c’è per il mutuo di liquidità: ipotecando un immobile di proprietà si ottiene del contante per la compravendita all’estero.

10 settembre 2012 di

Altre news

Commenti

  • P Paolo2012-11-24 16:56:29

    Ciao Patrizia, io vorrei acquistare una casa in Spagna, a chi mi devo rivolgere per richiedere il mutuo? Ho provato a domandare alla banca Barclays qua in Italia ma mi hanno risposto che non fanno quel tipo di operazioni per motivi di legge. Meglio chiedere a una banca spagnola o all\'agenzia immobiliare?

    Rispondi
  • P Patrizia De Rubertis2012-12-03 10:26:51

    Caro Paolo, visto che la procedura di accensione di un mutuo per l’acquisto di un immobile all\'estero non è delle più semplici, meglio seguire tutte le possibili soluzioni per ottenere il prodotto più conveniente e che meglio soddisfa le proprie esigenze. È, quindi, possibile rivolgersi a un istituto presente nel luogo dove si è deciso di comprare l\'immobile, chiedere aiuto alle banche internazionali che hanno filiali sia in Italia che nel Paese prescelto, ricorrere al web o affidarsi all\'intermediario immobiliare.

    Rispondi
  • l luca2014-05-18 07:32:59

    Ma le banche europee che erogano un mutuo a quanto e la tassazione ? Ad esempio in Romania che e in Europa ? Portiamo la stessa tassazione dell' Europa anche in italia

    Rispondi

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Ultimi approfondimenti:

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo