Mutuando: il blog di Mutui.it

Detrazioni mutui per i coniugi, una bussola per orientarsi

Detrazioni mutui per i coniugi, una bussola per orientarsi

4 febbraio 2020

Dalla comunione dei beni al coniuge a carico

La detrazione del 19% sugli interessi passivi, pagati per il mutuo sulla prima casa, è uno sconto fiscale molto appetibile. Spesso il costo della rata è sostenuto da marito e moglie ma, ad esempio, l’immobile è intestato solo ad uno dei due. Cosa succede allo sconto? A chi spetta? In questo articolo si propongono una serie di casi; un aiuto, insomma, per cercare di non commettere errori.

Comunione dei beni. È uno dei due regimi patrimoniali della famiglia; se si sceglie, al momento del sì, marito e moglie sono comproprietari di tutti i beni acquistati dopo il matrimonio, per il 50%. Se dopo il matrimonio, con questo regime, si acquista una casa di proprietà e i coniugi hanno cointestato anche il mutuo, la detrazione del 19% spetta a ciascuno ma sulla rispettiva percentuale di detrazione e cioè il 50% dell’immobile, anche nel caso in cui quest’ultimo sia stato attribuito nel rogito ad uno solo perché fa fede quello che stabilisce l’articolo 177 del Codice civile.

Casa acquistata prima del matrimonio, ma successivamente con regime di comunione. Se, al contrario, la casa è stata acquistata prima del matrimonio da uno solo dei due coniugi, lo sconto non è attribuibile all’altra parte anche se nei fatti partecipa alle spese e alla divisione del costo del mutuo. Il legislatore riconosce la detrazione a chi è intestatario dell’immobile e del contratto di mutuo, ma solo per la parte di interessi passivi versati; l’altra parte dunque perde la detrazione.

Casa cointestata, ma non il mutuo. Un caso davvero comune è quello della casa cointestata da entrambi, ma solo uno è l’intestatario del mutuo. Anche in questo caso prevale la condizione fissata dalla legge in cui deve esserci coincidenza dei due aspetti: titolarità dell’immobile e titolarità del mutuo. Dunque, si accederà allo sgravio del 19% solo per la quota di proprietà e quindi del 50%.

Coniuge a carico. Diverso esito la condizione in cui il coniuge è a carico dell’altro. In questo caso la legge riconosce per intero a chi sostiene la spesa del mutuo la detrazione anche nel caso di mutuo cointestato. L’Agenzia delle Entrate sottolinea, nella circolare n. 13/2019, con cui ha fornito tutte le istruzioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi che: “La condizione di coniuge fiscalmente a carico deve sussistere nell’anno d’imposta in cui si fruisce della detrazione”. L’Agenzia, inoltre, fornisce un suggerimento operativo interessante: “È necessario verificare sempre gli intestatari direttamente dal contratto di mutuo in quanto, a volte, nelle ricevute rilasciate dagli istituti di credito, non sono sempre riportati tutti gli intestatari”.

Coniuge incapiente. Cattive notizie invece per il coniuge incapiente, cioè colui che non è a carico ma ha una dichiarazione dei redditi al di sotto della cosiddetta soglia di incapienza e cioè circa 8.000 euro annui. In questo caso se il mutuo è cointestato, il coniuge incapiente perde la detrazione perché non ha una dichiarazione per così dire d’appoggio ma non ne perde il diritto.

Separazione. E in caso di separazione con mutuo in essere? Anche qui soccorre l’Agenzia delle Entrate che riconosce la possibilità di detrarre gli interessi passivi sul mutuo, nel caso di comproprietà dell’immobile, al coniuge che, a seguito di separazione legale, è diventato proprietario esclusivo dell’immobile e si è accollato, secondo lo schema del c.d. accollo interno, le residue rate di mutuo. Nel caso affrontato non deve essere intervenuta alcuna modifica del contratto di mutuo che continuerà a essere cointestato a entrambi i coniugi. Devono essere rispettate alcune condizioni: l’accollo deve risultare formalizzato in un atto pubblico o in una scrittura privata autenticata e le quietanze relative al pagamento degli interessi devono essere integrate dall’attestazione che l’intero onere è stato sostenuto dal coniuge proprietario anche per la quota riferita all’ex coniuge.

di

Altre news

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Mutuando di Cristina Bartelli

    Calabrese, ma da tempo trapiantata a Milano, è giornalista professionista dal 2004. Lavora per ItaliaOggi scrivendo del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione. Modera convegni e tavole rotonde su temi come l’antiriciclaggio, la pianificazione fiscale e gli adempimenti con l’agenzia delle entrate.