Garante mutuo: caratteristiche e i requisiti

Quali sono i requisiti minimi del garante

Il garante del mutuo è una persona che, insieme al richiedente, firma la richiesta di prestito. In caso il richiedente non possa pagare una o più rate, o sospendesse del tutto i pagamenti per un qualsiasi motivo, economico o personale, la banca chiederà al garante, o fideussore, di rimborsare al suo posto. Naturalmente, per garantire un mutuo bisogna possedere tutti i requisiti necessari a dare garanzia ed affidabilità alla banca. Vediamo quando ricorrere ad un garante per il mutuo, perché e, soprattutto, chi può essere un buon garante, in grado di far accettare una pratica finanziaria sulla quale la banca ha qualche riserva.

Cosa vuol dire fideussore o garante del mutuo

Al giorno d'oggi, a causa di posti di lavoro precari, stipendi ai minimi storici e tassi di mutuo variabili, che possono far oscillare il valore unitario della rata anche con margini piuttosto importanti, per le banche, accettare le richieste di mutuo è sempre più difficile. Esistono dei precisi requisiti che, da protocollo, rendono un soggetto il candidato ideale ad ottenere un mutuo. Questi requisiti, però, sono sempre più rari. Si tratta di: persone giovani, con un lavoro a tempo indeterminato e uno stipendio che copra agevolmente tutte le loro spese personali e anche la rata pattuita per il mutuo. Naturalmente, a queste condizioni, non è così semplice rientrare nella categoria del perfetto candidato ad ottenere un prestito. Le banche, però, cercando di venire incontro a questa situazione, così comune nel periodo storico particolare che stiamo attraversando. Molte pratiche che non corrispondono alla descrizione del richiedente mutuo ideale vengono accettate ugualmente, però con la sottoscrizione di garanzia di una persona di fiducia.

Il fideussore, o garante, è un parente o un amico del richiedente mutuo, che firma e sottoscrive il contratto, e tutte le sue clausole, in collaborazione con l'intestatario. Assumendo il ruolo di garante si prende la responsabilità di intervenire in prima persona, in caso il titolare del mutuo non paghi una rata o sospenda il rimborso. Il garante, quindi, firma il mutuo come se lo avesse richiesto lui, dichiara di poter sostenere l'onere della rata, deve presentare tutta la documentazione al pari del richiedente titolare e sarà responsabile e chiamato a rimborsare nel caso in cui il richiedente non ottemperasse al suo onere.

Cosa firma il garante

Il garante firma il contratto di mutuo, accettandone tutte le condizioni e le clausole come se lo stesse sottoscrivendo lui stesso. Si impegna ad intervenire economicamente laddove il titolare del contratto non mantenesse l'obbligo di pagamento e si dichiara consapevole che, in caso, verranno a lui addebitati eventuali interessi di mora o sanzioni adeguate, in caso si rifiutasse di saldare per conto del suo garantito.

Quando un mutuo può essere elargito grazie a un garante

Le situazioni più tipiche in cui un garante riesce a trasformare un no della banca in un sì sono le seguenti:

•     quando il richiedente mutuo non ha un lavoro fisso: è il caso di moltissimi ragazzi giovani. Spesso, uno dei genitori acconsente a garantire. Il lavoro, al giorno d'oggi, si basa principalmente su contratti a tempo determinato rinnovabili, su collaborazioni costanti ma saltuarie, su continui spostamenti da una ditta all'altra. Molti ragazzi, a causa di questa situazione, non possono favorire una busta paga continuativa, che copra l'intera durata del mutuo, pur sapendo che i contratti gli verranno continuamente rinnovati. In questo caso, i genitori possono sottoscrivere il mutuo come garanti e con ogni probabilità la banca accetterà la richiesta
•     quando il richiedente mutuo si avvicina all'età non più mutuabile: una persona anziana che chiede un mutuo e che, per età, sfora di pochi anni o coincide con la fine dell'età mutuabile alla fine del pagamento, potrebbe trovare alcune difficoltà a farsi accettare un mutuo. Spesso, la firma di un figlio o di un fratello o sorella più giovane, bastano a sbloccare la pratica
•     quando il richiedente mutuo ha uno stipendio basso: se, secondo la banca, lo stipendio percepito dal richiedente non basta a coprire sia il suo tenore di vita sia la rata del mutuo, se il richiedente offre tutte le garanzie del caso, spesso il mutuo viene elargito senza problemi con la firma di un familiare

Quali requisiti deve avere un garante

Tuttavia, per tranquillizzare le banche e convincerle ad accettare la concessione di un mutuo con fideussore, è importante che il garante stesso venga considerato un ottimo candidato all'ottenimento di un mutuo. Le caratteristiche richieste al garante sono sovrapponibili a quelle richieste al titolare del mutuo:

•     età: il garante deve avere un'età considerata mutuabile, quindi entro i 75 anni, alla fine del periodo di rimborso. A volte, alcune banche fanno delle eccezioni ed accettano garanti che, alla fine del mutuo stesso, hanno fino a 85 anni
•     patrimonio: il garante, per essere ritenuto affidabile, deve dimostrare di avere un patrimonio che gli permette di vivere agiatamente. Ad esempio: immobili di proprietà, nessun altro debito, un conto corrente in attivo
•     reddito: il garante deve dimostrare di poter pagare, mensilmente, la rata stabilita dal mutuo, al netto delle sue spese abituali e di eventuali altri rimborsi a suo carico. Il totale dello stipendio o del reddito mensile deve coprire sia il suo tenore di vita sia la rata del mutuo
•     lavoro sicuro: anche il garante, come il titolare della pratica, deve dimostrare che il reddito mensile dichiarato sarà una costante nella sua vita, per tutta la durata del mutuo. I dipendenti devono avere un posto fisso a tempo indeterminato, mentre i liberi professionisti un'azienda in attivo e aperta da almeno 12 mesi. I pensionati non hanno problemi in questo senso e sono considerati garanti affidabili, sempre che il loro reddito mensile copra agevolmente la rata del mutuo per cui stanno garantendo, al netto delle loro spese ed esborsi

Quante probabilità ci sono che un garante modifichi l'esito di una concessione di mutuo

Il garante è risolutivo in tutte quelle situazioni in cui il richiedente del mutuo è un buon candidato e, per renderlo idoneo, mancano solo pochi dettagli. Ad esempio: se il reddito mensile è accettabile ma il contratto non copre l'intera durata del mutuo perché a tempo determinato; se il richiedente ha un lavoro fisso ma l'importo dello stipendio è leggermente sotto la soglia considerata a margine affidabile; quando il mutuo viene centellinato per una questione d'età: se il cliente è un perfetto candidato ma, al termine del prestito, supererà di qualche mese o anno l'età mutuabile

Un mutuo con garante può essere respinto?

Se il fideussore non ha i requisiti di affidabilità desiderati dalla banca, l'istituto di credito può rifiutare il mutuo nonostante la doppia firma, a sua discrezione, come può succedere per qualsiasi altro mutuo. Non è possibile cumulare più di un garante per ogni singola pratica di mutuo. Quindi non è possibile far garantire la propria pratica, ad esempio, da entrambi i genitori, anche se in coppia raggiungerebbero tranquillamente i requisiti richiedesti al garante.

Contenuti della sezione

Preventivo mutui

Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!