Mutuando: il blog di Mutui.it

Governo, aiuti e mutui

Mutui e aiuti del Governo

18 giugno 2015

Mostra con orgoglio, l’Associazione delle Banche Italiane (ABI), i risultati del Fondo di Garanzia per la prima casa, di cui abbiamo più volte parlato in passato. Stando ai dati dell’Associazione i nuovi mutui prima casa garantiti dal Fondo, che il Governo ha istituito per facilitare l’accesso al mercato anche da parte di categorie deboli, sono ammontati a 30 milioni di euro, mentre altri 82 milioni sarebbero in dirittura d’arrivo. Ad approfittarne sono stati in particolare i giovani under 35, che hanno rappresentato il 35% del totale.

Tanto per fare un ripasso, il Fondo di Garanzia (sottoscritto da 130 banche in Italia) ha una dotazione di 670 milioni di euro per il triennio 2014-2016, destinate ad una copertura del 50% delle quote capitali dei mutui per acquisto, ristrutturazione o efficientamento energetico di prime case, contratti da chi ha i requisiti per rientrare nelle cosiddette fasce in difficoltà. Ovvero giovani coppie, famiglie monogenitoriali con figli minori, under 35 con lavoro precario, purché non proprietari di altri immobili residenziali al momento della richiesta. Grazie a questa misura, nelle intenzioni del Governo, potrebbe essere possibile sbloccare fino a 15 miliardi di euro in finanziamenti, e già – afferma il comunicato ABI – grazie a questa misura l’impennata nel mercato dei finanziamenti per l’acquisto di abitazioni è stata del 55% annuo nei primi quattro mesi di quest’anno.

Dati la cui positività riecheggia anche nelle rilevazioni dell’ultimo Osservatorio Assofin-Crf-Prometeia, anche se il merito, più che del Governo italiano, sembra essere ascrivibile alla politica dei tassi europei, che ha favorito più che altro il boom di sostituzioni e surroghe.

L’Osservatorio evidenzia infatti un +6,6% nel 2014 e un +4,7% annuo nei primi mesi del 2015 nelle nuove erogazioni di mutui casa, mentre gli altri tipi di mutuo (mutui di surroga, di sostituzione, di liquidità, mutui per costruzione e ristrutturazione e mutui per il consolidamento del debito) sono lievitati del 44,5% nel 2014 e addirittura del 129% annuo all’inizio del 2015.

Vanno distinte le tipologie di prestiti: ad esempio, i mutui destinati ai nuovi acquistiimmobiliari pare abbiano registrato situazioni ben lontane da un boom, il che è coerente con un mercato delle compravendite che, sempre stando ai dati dell’Osservatorio, è addirittura in frenata nel primo trimestre 2015. Senza freni invece le surroghenel 2015, +319% nel 2014 e +710% annuo nel primo trimestre 2015, trainate dai tassi di interesse ai minimi, fino a rappresentare il 20% dell’intero mercato.

La nota positiva sta nel calo rispetto ai massimi del 2010 del tasso di default nel credito al dettaglio (quindi mutui, ma anche altri tipi di prestiti): secondo i dati dell’Osservatorio pare infatti che le nuove sofferenze o i ritardi di oltre sei rate si siano attestate al 2,3% (l’1,8% se si considerano i soli mutui).

Per le situazioni di difficoltà, ricordiamo che dal 1 giugno scorso sono scattati i criteri per accedere alla moratoria 2015-2017, di cui abbiamo parlato nei mesi scorsi e che ha ricevuto l’ok definitivo di Abi e associazioni dei consumatori lo scorso 31 marzo (https://www.abi.it/Documents/AccordoMoratoriaFamiglie.pdf). La moratoria consente la sospensione fino ad un massimo di 12 mesi del rimborso della sola quota capitale (attenzione: non degli interessi, che vanno sempre pagati) di mutui casa e crediti al consumo, ed è destinata ai casi di perdita del lavoro o di riduzione dell’orario, morte, infortunio o perdita degli ammortizzatori sociali.

di

Altre news

Commenti

  • Si danno risorse a chi non ha niente e si negano a chi ha solide garanzie immobiliari. Questa è paranoia o no?!!!!!
    scritto da emilio il 30/06/2015

Scrivi un commento

Preventivo mutui

Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Mutuando di Floriana Liuni

Giornalista professionista, è tra i fondatori di Finanzaoperativa.com di cui cura le pagine di finanza personale. Contributor del mensile Patrimoni di Class Editori su temi di investimento e mercato immobiliare e del mensile Largo Consumo su temi social e di marketing, in passato ha collaborato con Radio 24, Finanza.com ed Economiaweb.it.