Agevolazioni per i giovani con contratto atipico

Pubblicato il 29 March 2011

Marzo 2011 è il mese dei nuovi mutui agevolati per le giovani coppie. Lo avevamo preannunciato qualche settimana fa: il ministero delle Politiche giovanili e l’Abi ha definito gli ultimi dettagli del progetto “Diritto al Futuro”, che prevede l’erogazione di mutui anche a coloro che lavorano con contratto atipico. E proprio da questi giorni partiranno le prime stipule di questi contratti con agevolazioni.

Per accedere a i mutui agevolati, sono necessari precisi requisiti. Innanzitutto l’età dei due richiedenti non deve essere superiore ai 35 anni, come stabilito da principio dal ministero. Inoltre, il reddito complessivo di entrambi rilevato dall’Isee, indicatore della situazione economica equivalente, non deve risultare superiore ai  35.000 euro totali. All’interno del reddito complessivo c’è poi un ulteriore postilla: non più del 50% del’imponibile complessivo ai fini Irpef deve derivare da un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. Tradotto in parole più povere, almeno la metà del reddito totale della coppia deve arrivare da un contratto di lavoro atipico.

Passando alle proprietà, per accedere a un mutuo agevolato per la prima casa, i richiedenti del mutuo non devono risultare proprietari di altre case o immobili, se non nei casi per successione a causa di morte. L’immobile in questione invece, cioè quello per il quale viene richiesto il mutuo, non deve risultare accatastato come abitazione di lusso, villa signorile, e deve avere una metratura che non vada oltre i 90 mq. L’importo massimo che può essere erogato è di 200 mila euro, e la concessione della garanzia è prioritaria per i casi in cui l’immobile sia ubicato in zone ad elevata densità abitativa.

Se la coppia dovesse avere problemi per il pagamento delle rate, il progetto ha predisposto un fondo che coprirà l’importo fino a un ammontare di 75 mila euro. Infine, va ricordato che è possibile usufruire della detrazione per mutuo prima casa nell’ordine degli interessi passivi e delle spese affrontate per l’istruttoria e la stipula del mutuo, in base alle norme in vigore.

di Valerio Mingarelli

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Valerio Mingarelli Valerio Mingarelli, marchigiano, è giornalista professionista fin dall’età di 28 anni.

Ha cominciato la sua carriera in ambito televisivo (TV Marche e TV 23) per poi passare alla carta stampata nel 2002 scrivendo prima per il Giornale dell’Umbria e poi per il Corriere Adriatico. Dal 2007 è al quotidiano Metro, testata internazionale fra le più diffuse, dove cura le pagine dell’economia scrivendo, fra l’altro, di assicurazioni, risparmio, mutui e immobiliare.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo