Mutuando: il blog di Mutui.it

Mutui prima casa: stop rate fino a dicembre 2021

Mutui prima casa: stop rate fino a dicembre 2021

29 dicembre 2020

Non prorogate, però, le eccezioni introdotte per la pandemia

Proroga parziale per la sospensione mutui prima casa: ok alla possibilità di presentare l’istanza fino al 31 dicembre 2021, con la procedura automatica, ma il rinvio dimentica le eccezioni introdotte per fronteggiare l’emergenza covid-19.

Ritorna così l’applicazione di tutti i paletti previsti dalla normativa “pre-covid-19”, dalla soglia del valore dell’immobile a 250 mila euro ai requisiti Isee.

Vediamo insieme quali sono le novità.

Avviso Consap

Sul sito di Consap, la società del ministero dell’economia, che gestisce l’accesso al fondo Gasparrini per i mutui prima casa, campeggia un avviso: “Si rammenta che gli interventi previsti dal D.L. del 17 marzo 2020, n. 18 (decreto Cura Italia), validi per un periodo di 9 mesi dall'entrata in vigore dello stesso decreto, sono decaduti il giorno 17 dicembre 2020.

Pertanto, a decorrere dal giorno 18 dicembre 2020 e fino ad eventuali nuove proroghe, le deroghe previste per l’emergenza Covid 19 non potranno più essere contemplate. In particolare, le categorie che non potranno accedere ai benefici del Fondo sono i lavoratori autonomi/liberi professionisti e le cooperative edilizie a proprietà indivisa”.

Proroga stop mutui prima casa

Il decreto Ristori recentemente convertito in legge, n. 176/20, e pubblicato nella gazzetta ufficiale del 24 dicembre, ha previsto il rinvio dei termini per avere lo stop delle rate prima casa fino al 31 dicembre 2021.

Nello scrivere la norma però non sono state prorogate le altre indicazioni introdotte nel corso della pandemia per venire incontro ad altri soggetti che avevano bisogno della sospensione del mutuo a causa di problemi economici legati all’emergenza sanitaria.

Ritorno ai paletti pre pandemia

Per ottenere la sospensione del mutuo è nuovamente richiesta la presentazione dell’indicatore di situazione economica equivalente (ISEE); saranno ammissibili al Fondo solo i mutui di importo fino a 250.000 euro; i mutui già ammessi alla garanzia del Fondo “Prima casa” non potranno accedere alla sospensione del pagamento delle rate; non sarà possibile richiedere la sospensione per i mutui che abbiano già fruito di 18 mesi di sospensione o di 2 periodi di sospensione, anche nel caso in cui sia ripreso, da almeno tre mesi, il regolare ammortamento delle rate.

Resta la corsia preferenziale per la domanda

La proroga approvata dunque riguarda la sospensione automatica della rata da parte della banca sino al momento della presentazione dell’istanza per la sospensione del muto dopo il controllo sui requisiti e sulla regolarità formale.

Ma adesso nel momento in cui si richiede il congelamento delle rate ci saranno più eccezioni con le quali le banche potranno rifiutare l’istanza e dunque bisogna prestare attenzione se si rientra nei requisiti ripristinati come, ad esempio, l’esclusione per le partite Iva/lavoratori autonomi.,

di

Altre news

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Mutuando di Cristina Bartelli

    Calabrese, ma da tempo trapiantata a Milano, è giornalista professionista dal 2004. Lavora per ItaliaOggi scrivendo del Fisco in ogni sua forma. Ha fatto incursioni su Classcnbc e Tgcom per raccontare le novità di manovra di bilancio, sanatorie fiscali e storie di elusione. Modera convegni e tavole rotonde su temi come l’antiriciclaggio, la pianificazione fiscale e gli adempimenti con l’agenzia delle entrate.

    Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo