Mutui sospesi fino al 31 gennaio 2012

Pubblicato il 30 August 2011

Le famiglie italiane impegnate nella campagna dei mutui possono tirare ancora un sospiro di sollievo. È operativo l’accordo tra Abi e 13 associazioni dei consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Assoconsum, Assoutenti, Casa del consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega consumatori, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, Unione Nazionale Consumatori) che ha determinato la proroga al 31 gennaio 2012 del termine ultimo per la presentazione delle domande per ottenere la sospensione delle rate dei mutui. Di fatto si rinnova un’altra volta l’impegno delle associazioni al sostegno delle famiglie in difficoltà. Più in dettaglio, le domande si possono presentare entro il 31 gennaio 2012 ma la sospensione (soltanto per operazioni che non ne abbiano già usufruito) può essere chiesta solo per eventi che si siano verificati entro il 31 dicembre 2011.

Possono chiedere la sospensione coloro che abbiano un reddito Isee familiare non superiore a 40mila euro, sempre che il capitale ottenuto col mutuo non superi 150mila euro e il contratto sia stato stipulato per l'acquisto o la ristrutturazione della prima casa. Secondo i dati più recenti, cioè quelli datati 31 maggio 2011, finora sono stati sospesi oltre 46.300 mutui per circa 5,5 miliardi di euro, mutui che hanno garantito alle famiglie che ne hanno fruito una liquidità di 339 milioni di euro. La nuova proroga (la seconda dopo i sei mesi concessi a gennaio) è stata motivata, si legge in una nota, “dal contesto della congiuntura economica che segnala il persistere di una ripresa ancora debole” ed è stata considerata necessaria, prosegue la nota, per dare aiuto “alle famiglie che si trovano in situazione di momentanea difficoltà” riconfermando “la volontà di sostenere la collaborazione tra le banche e le associazioni dei consumatori”.

Il grande escluso dalla contrattazione è stato il Codacons, che non a caso ha bollato “notizia bufala” questa nuova decisione di sospensione attuata dall'Abi. Se non si ampliano le condizioni necessarie per ottenere la sospensione delle rate, dice il Codacons, questa sospensione è solo “un rilancio a costo zero” utile, più che alle famiglie in difficoltà, “alle banche e all'Abi” che possono “promuovere la loro immagine”.  Quando l'Abi ha lanciato l'iniziativa, a febbraio 2010, dice il Codacons, stimava che le famiglie che ne avrebbero beneficiato sarebbero state 130mila, tre volte tanto quelle che realmente in difficoltà. Nove mesi dopo, cioè a ottobre 2010, fa notare il Codacons, era stato toccato il tetto delle 31mila persone in difficoltà a cui, nei sette mesi successivi, si sono aggiunte appena altre 15mila famiglie, la metà rispetto al primo periodo. In futuro quindi, conclude l'associazione che tutela i consumatori, “ci si deve attendere l'ulteriore abbassamento delle persone coinvolte”. Per questo Codacons critica la misura sostenendo che essa non è sufficiente e che sia necessario trovare alternative che aiutino “realmente le famiglie in difficoltà” e sappiano “sostenere attivamente qualunque nucleo familiare in periodi di crisi come quelli attuali”.

di Franco Canevesio

Commenti

  • S Sandro rossi2011-09-29 15:21:01

    Mia figlia essendo separata con due figli a carico e non avendo nessun tipo di alimento dal suo ex, cosa deve fare per ottenere la sospensione del Mutuo per dodici mesi? Attendo gentile risposta. Cordiali saluti.

    Rispondi

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio Franco Canevesio, genovese, è giornalista professionista specializzato in economia e Borsa.

All'inizio negli anni '90 si è occupato di cronaca su La Repubblica lavorando al contempo come giornalista in alcune televisioni libere liguri. A Milano è stato redattore capo di Italia-iNvest.com, primo sito italiano specializzato in economia. Ha lavorato al sito “Lettera finanziaria” di Giuseppe Turani. Sulla carta stampata ha lavorato con Affari & Finanza ed è stato caporedattore di Finanza e Mercati. Attualmente lavora a MF-Milano Finanza.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo