Mondo mutui

9 ottobre 2017

News - Mattone italiano: ancora giù i prezzi

Valori in calo dello 0,1% nel secondo trimestre

Valori in calo dello 0,1% nel secondo trimestre

Persiste il lieve calo dei prezzi delle case nel nostro paese: a confermare ancora una volta questo trend ci hanno pensato le ultime stime condotte dall’Istat che hanno messo in luce una contrazione dello 0,1% nel corso del secondo trimestre del 2017, rispetto allo stesso periodo del 2016. Si tratta, tutto sommato, di una percentuale non preoccupante, specialmente se confrontata con i tre mesi precedenti di questo stesso anno, rispetto ai quali si è evidenziato un balzo del +0,3%. Secondo l’Istituto di statistica nazionale a scendere sarebbero in particolar modo i costi relativi alle abitazioni già esistenti (-0,3%), piuttosto che quelli dei nuovi immobili che si caratterizzano al contrario per un leggero aumento del +0,1%.

Il costante calo dei prezzi non deve ad ogni modo spaventare in quanto accompagnato da un’interessante crescita dei volumi delle compravendite immobiliari che contribuiscono a riportare il mattone italiano su buoni livelli. Che si tratti di investimenti fatti da cittadini italiani oppure di stranieri che vedono nell’immobiliare del nostro paese ottime possibilità, il comparto sembra essere largamente sostenuto dalle buone opportunità di mutuo casa attualmente presentate dai vari istituti bancari, che possono contare infatti su tassi ridotti ai minimi storici ormai da molti mesi.

Secondo i dati divulgati dall’Agenzia delle Entrate solamente qualche giorno fa, nel secondo trimestre del 2017 il mercato immobiliare italiano è cresciuto del +3,8% rispetto al medesimo arco di tempo dell’anno precedente. Un balzo ancora più accentuato se si prendono in considerazioni in maniera congiunta i primi sei mesi di questo anno che hanno visto un incremento del +6%. Incoraggianti notizie dunque, che contribuiscono a colmare in buon parte il gap ancora esistente con i valori precedenti la crisi, anche se gli esperti del settore suggeriscono di adottare ancora un atteggiamento di cautela. Tendenzialmente infatti, seppur connotato dal segno positivo, questo risultato segna la crescita più contenuta dal secondo trimestre del 2015, dopo il record del secondo trimestre del 2016 con un +23,2%.

 

    Scrivi un commento

    Il profilo dell'autore

    Francesca Lauritano Francesca Lauritano, dopo una formazione iniziale di stampo umanistico ha deciso di indirizzare i suoi studi nel campo della comunicazione e del marketing attraverso un Master in Comunicazione d’Impresa.

    Un percorso lavorativo variegato e trasversale: da archeologa a community manager, attualmente si sta occupando di ufficio stampa e media relations. Parallelamente sta approfondendo i suoi interessi per ciò che riguarda la comunicazione sul web e sui social.

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!