Tribunali intasati e prezzi alti: rallentano le aste

A calare sono soprattutto quelle nel Nord Italia

A calare sono soprattutto quelle nel Nord Italia

Pubblicato il 7 November 2022

Tra gennaio e settembre, il 2022 ha registrato 144.731 aste, per un valore economico di 19,2 miliardi di euro. Secondo un rapporto di Reviva, i dati evidenziano un aumento rispetto al 2021, ma restano ancora inferiori del 21,8% rispetto all'ultimo anno pre-pandemico, il 2019. Il motivo? Prezzi troppo alti e tribunali intasati.

La frenata del terzo trimestre

Dietro le medie ci sono però dati discordanti. Prima di tutto, sottolinea il rapporto, c'è stato un rallentamento sensibile nel terzo trimestre. Se nei primi sei mesi dell'anno l'accelerazione era stata a doppia cifra, tra luglio e settembre è stata solo del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2021, confermando un ritardo netto (-32,3%) rispetto al terzo periodo del 2019.

Nord Italia al rallentatore

Emergono poi nette differenze geografiche. Se le aste sono aumentate al Sud (+14%) e nelle Isole (+15,6%), sono diminuite nel Nord Italia (-10,8%). C'è quindi un piccolo paradosso: la capacità dei tribunali di smaltire le pratiche sta avendo un impatto rilevante nelle aree dove il mercato immobiliare tende a essere meno dinamico.

Quali immobili vanno all'asta?

Le aste, che possono combinarsi con un mutuo sottoscritto dall'acquirente, hanno riguardato soprattutto immobili residenziali (78.531). Seguono le 50.244 aste non residenziali e le 15.956 che hanno coinvolto terreni. Rispetto allo stesso periodo 2021, vi è un aumento della componente residenziale del 25,3%, a fronte di un calo del 20,4% delle aste non residenziali e del 15,9% dei terreni.

Perché i prezzi sono più alti

Analizzando i prezzi, si nota una forte crescita. Tradizionalmente, la media di immobili in asta si aggirava tra i 70 e gli 80 mila euro. Nel primo semestre del 2022 ha raggiunto i 112 mila euro, prima di una leggera flessione registrata tra luglio e settembre, a 106.086 euro. Al netto del ritracciamento, i prezzi restano salati.

I rialzi sarebbero dovuti principalmente all'avvio di procedure sospese durante la pandemia, che spesso hanno riguardato immobili battuti per la prima volta, senza quindi alcun ribasso.

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Paolo Fiore Giornalista professionista e leccese in trasferta: Bologna, Roma, New York, Milano. Dopo la Scuola di giornalismo Walter Tobagi, ha scritto per Affaritaliani, MF-Milano Finanza, l'Espresso, Startupitalia e Skytg24.it. Si occupa di economia e innovazione per Agi, FocuSicilia e collabora con il gruppo Rcs.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo