La Banca Centrale Europea pubblica i risultati (positivi) del suo sondaggio tra le banche dell'Eurozona

Pubblicato il 20 February 2015

Il 2015 si apre con alcuni dati positivi circa la richiesta di mutui sia in Italia che in parte dell’area euro. L'indicazione arriva direttamente da una ricerca curata dalla Bce secondo la quale le famiglie dell'Eurozona hanno chiesto, in misura sempre crescente, finanziamenti per acquistare un immobile.

Bank lending surveyRisale esattamente a un mese fa il Bank lending survey, il sondaggio sul prestito delle banche dell'Eurozona reso noto dalla Bce. In esso, riferito al quarto trimestre 2014, la Banca centrale europea indicava una crescita decisa nella domanda di prestiti degli istituti bancari dell'area euro, prestiti che, secondo le attese, avrebbero dovuto aumentare ancora nel primo trimestre 2015.

Più in dettaglio, il rapporto trimestrale della Bce ha messo in luce come tutte le banche che hanno preso parte al sondaggio hanno evidenziato l'aumento delle richieste dei mutui per l'acquisto della casa. Secondo l'Eurotower, “riguardo ai mutui casa, la domanda su base netta si è rivelata molto positiva in Olanda, in Italia, in Germania e, in misura lievemente minore, in Spagna, restando invece invariata in Francia, successivamente al forte incremento del trimestre precedente”.

I dati 2014. La ricerca sottolinea come i mutui per l'acquisto della casa nell'Eurozona siano incrementati del 19% negli ultimi tre mesi del 2014: oltre un quarto delle banche europee, sottolinea il sondaggio, ha aumentato la quantità dei mutui erogati nei loro paesi, mentre il 4% delle banche dell’Eurozona (rispetto al 2% del terzo trimestre 2014) ha allentato i criteri per concedere finanziamenti alle famiglie.

Ottimismo per il 2015. L'ottimismo fornito dagli ultimi dati del 2014 hanno riflessi anche sul 2015 soprattutto nei tre paesi dell'Ue che hanno registrato i migliori risultati in tema mutui, e cioè  Italia, Olanda e Germania. Per quello che ci riguarda, in Italia, nel solo mese di dicembre 2014, la richiesta di mutui è cresciuta del 30,6% rispetto a dicembre 2013: in complesso, il volume dei finanziamenti per immobili ha messo a segno, in tutto l'anno passato, un ottimo +15% rispetto a tutto il 2013, con una decisa inversione di tendenza rispetto al -3,6% del 2013 e al terribile -41,8% del 2012. Secondo l'Abi, il mercato dei mutui durante tutto il 2014 è cresciuto del 32,5% con  finanziamenti alle famiglie per acquistare abitazioni pari a 25,2 miliardi di euro, ben oltre i 19 miliardi del 2013. Le preferenze dei sottoscrittori, nota l'Abi, sono andate decisamente ai mutui a tasso variabile che, l'anno scorso, hanno rappresentato il 77,5% di tutte le nuove erogazioni.
Le previsioni del Bank lending survey della Bce reggono bene anche per questo scorcio di 2015, almeno nel nostro Paese: nel solo mese di gennaio, secondo l'Osservatorio Eurisc-Crif, la domanda di mutui casa da parte delle famiglie italiane è cresciuta del 22,6% rispetto allo stesso periodo del 2014.

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Franco Canevesio Franco Canevesio, genovese, è giornalista professionista specializzato in economia e Borsa.

All'inizio negli anni '90 si è occupato di cronaca su La Repubblica lavorando al contempo come giornalista in alcune televisioni libere liguri. A Milano è stato redattore capo di Italia-iNvest.com, primo sito italiano specializzato in economia. Ha lavorato al sito “Lettera finanziaria” di Giuseppe Turani. Sulla carta stampata ha lavorato con Affari & Finanza ed è stato caporedattore di Finanza e Mercati. Attualmente lavora a MF-Milano Finanza.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo