Prima casa: il fisco conferma le detrazioni per le spese di agenzia

Bisogna, però, rispettare alcune condizioni

Bisogna, però, rispettare alcune condizioni

Pubblicato il 19 agosto 2021

Con l’avvicinarsi dell’appuntamento con la dichiarazione dei redditi, aumentano i dubbi circa la possibilità di portare in detrazione alcune spese.

Molti contribuenti ad esempio non sanno che, fermo restando la consueta detraibilità degli interessi passivi relativi al mutuo prima casa e gli oneri fiscali (compresa l’imposta per l’iscrizione o la cancellazione di ipoteca e l’imposta sostitutiva sul capitale prestato), è possibile inserire nelle detrazioni anche le spese di intermediazione immobiliare.

A chiarire questo punto è stata direttamente l’Agenzia delle Entrate a seguito della domanda inviata da un contribuente alla posta di Fisco Oggi, una pubblicazione gestite direttamente dagli esperti dell’ente.

Il quesito inviato all’Agenzia delle Entrate

Un contribuente ha stipulato un contratto preliminare per l’acquisto di un immobile da adibire ad abitazione principale, pagando a un’agenzia il compenso per l’intermediazione immobiliare.

Si è quindi rivolto all’Agenzia delle Entrate per sapere se è possibile portare tale spesa in detrazione dall’Irpef anche se non è ancora stato stipulato il contratto definitivo di compravendita e che cosa accadrebbe qualora la compravendita non dovesse più avvenire.

La risposta del Fisco

L’Agenzia delle Entrate ha risposto che i compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale sono detraibili dall’Irpef in misura pari al 19% (per un importo non superiore a 1.000 euro per ciascuna annualità).

La spesa pagata all’agenzia può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è stata sostenuta, purché il contratto preliminare risulti regolarmente registrato.

Dal momento che l’agevolazione è subordinata all’acquisto dell’abitazione principale, in caso di mancata stipula del contratto definitivo di compravendita il contribuente dovrà restituire la detrazione usufruita.

Obbligo di tracciabilità del pagamento

L’Agenzia ha ricordato che dal 2020 la detrazione per spese di intermediazione immobiliare spetta a condizione che l’onere sia stato sostenuto con versamento bancario o postale o mediante altri sistemi di pagamento tracciabili e che può essere usufruita per intero solo se si possiede un reddito complessivo fino a 120.000 euro.

In caso di superamento di tale limite, la detrazione decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo di 240.000 euro.

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo