Il lockdown ha spinto la digitalizzazione nei servizi immobiliari

18 giugno 2020

Il lockdown ha spinto la digitalizzazione nei servizi immobiliari

Molte le attività e i servizi svolti da remoto durante la pandemia

Molte le attività e i servizi svolti da remoto durante la pandemia

In Italia i servizi immobiliari sono cresciuti del 21,3% tra il 2015 e il 2019. Contano 270 mila imprese e un giro d'affari di 43 miliardi. Il ritmo del Paese è stato leggermente inferiore rispetto a quello medio dei principali Stati europei (oltre all'Italia, Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna). Anche questo comparto in salute, però, sta facendo i conti con la pandemia, come spiega il rapporto di Scenari Immobiliari intitolato “Future. Covid-19 e l'impatto sul mondo dei servizi immobiliari”.

“Nei tre mesi in cui il mondo si è fermato, arrestando le proprie attività per limitare il numero di vittime dovute alla pandemia, abbiamo subito una vera e propria accelerazione di alcuni processi già in atto, primo fra tutti quello della digitalizzazione”, si legge nel rapporto. Il Proptech (cioè il comparto che combina tecnologia e real estate, dai mutui alla compravendita fino alla raccolta fondi) si sta trasformando da argomento di nicchia ad applicazione concreta.

Il settore dei servizi potrebbe cedere il 5-10% dopo anni di crescita, ma si tratta di una media tra categorie che soffriranno meno e altre che invece accuseranno di più il colpo. Logistica, residenziale, uffici di grado A, settore sanitario e data center reggeranno l'urto. Retail, centri commerciali, hotel, uffici vecchi, residenziale usato e student housing avranno più difficoltà.

Al di là della contingenza, il lockdown potrebbe avere un impatto di lunga durata. Soprattutto alla voce “digitalizzazione”. “Una serie di attività e di servizi sono stati svolti da remoto senza particolari problemi, con maggior facilità da parte di quelle società che già avevano introdotto politiche di smart working, dotato i propri dipendenti di dispositivi aziendali e definito procedure chiare di accesso ai documenti”. Altre attività, però, hanno bisogno di presenza fisica. Pur di non fermarsi, hanno adottato o stanno adottando soluzioni che accolgono anche la necessità di distanziamento sociale che perdura nonostante la fine della clausura: “Sono state introdotte nuove modalità di lavoro, ad esempio i virtual tour o i sopralluoghi a distanza, con l’utilizzo di nuovi software in grado di sopperire, seppure in parte, alla mancata presenza fisica, e consentire una certa continuità aziendale”. Se quanto intravisto durante la fase più acuta dell'epidemia dovesse confermarsi, “vorrà dire – prevede il rapporto - che vedremo un ripensamento delle soluzioni tradizionali per l’abitare, il lavoro, il commercio, il trasporto di merci e persone. Potrebbero esserci degli spostamenti della domanda dai centri urbani troppo densi verso posizioni più periferiche e meno dense, alla ricerca di maggiori spazi, più verde e natura. Le attività di advisory, valuation, project management avranno una centralità sempre maggiore nel processo di costruzione degli edifici del futuro”.

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Paolo Fiore Giornalista professionista e leccese in trasferta: Bologna, Roma, New York, Milano. Dopo la Scuola di giornalismo Walter Tobagi, ha scritto per Affaritaliani, MF-Milano Finanza, l'Espresso, Startupitalia e Skytg24.it. Si occupa di economia e innovazione per Agi, FocuSicilia e collabora con il gruppo Rcs.