Le grandi città trainano la ripresa

Tornano a crescere i costi delle case

Tornano a crescere i costi delle case

Pubblicato il 2 maggio 2019

Non si arresta la crescita del mercato immobiliare anche se rispetto al 2018 il ritmo sarà decisamente più lento. Ad affermarlo è la Fiaip, la Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionali, che ha appena diffuso un report in cui la crescita delle compravendite stimata per il 2019 è pari al 2% contro il 6,5% del 2018.

Anche i prezzi medi al metro dovrebbero restare abbastanza stabili ad eccezione di alcune città che potrebbero registrare un incremento.

In sintesi, però, nel complesso, per la Fiaip i prezzi difficilmente potranno aumentare dato che l’offerta di immobili continuerà a essere più sostenuta rispetto alla domanda. A non risentire di questa tendenza saranno invece città come Milano, Napoli, Bologna e Firenze, per cui è previsto un trend positivo anche nel 2019. Se si guarda infatti al 2018, la Fiap aveva infatti già evidenziato una crescita dei prezzi per le abitazioni a Bologna (+2,7%), Milano (+6,2%) Firenze (+2,3%) Napoli (+ 1,8%) e Palermo (+1,9%). Le diminuzioni su base annua avevano invece interessato Roma (-1,5%), Torino (- 1,1, %), Cagliari (- 1,5%) Genova (-1,7%).

Nel fare un bilancio dell’anno appena trascorso, la Fiap rivela come nel 2018 i prezzi delle abitazioni siano complessivamente diminuiti del 2,5% su base annua. Rispetto al 2017, il periodo intercorso tra l’affidamento dell’incarico all’agente immobiliare e la vendita vera e propria è invece passato da 6 a 9 mesi (28%) fino ad arrivare a oltre 9 mesi (12%). Solo il 4% dei contratti è stato concluso entro un mese.

Il 70% delle compravendite è avvenuto attraverso il ricorso ad un mutuo mentre gli immobili più venduti sono stati i trilocali che hanno rappresentato il 73% degli scambi. A conquistare gli acquirenti sono stati per lo più gli immobili situati nelle zone semicentrali e centrali e gli alloggi usati (ma in buono stato per il 70%), seguiti dalle abitazioni da ristrutturare (18%).

Tornando invece alle previsioni per l’anno in corso, i canoni di locazione in molte città metropolitane, dove si registra una buona dinamicità, dovrebbero consentire a chi intende acquistare a scopo di investimento di ottenere ritorni ancora interessanti, “in particolar modo nelle città d'arte dove il mercato della ricettività alternativa a quella alberghiera è in netta crescita, così come nelle principali località turistiche”. Il rendimento potenziale lordo, a seconda della tipologia di immobili, dovrebbe infatti oscillare tra il 4 e il 6 per cento.

Commenti

Scrivi un commento

Preventivo Mutuo

Calcola un preventivo e scegli il mutuo più adatto a te tra le alternative proposte dalle banche partner di Mutui.it. Bastano 2 minuti!

Il profilo dell'autore

Rosaria Barrile Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.

Le ultime news dal mondo mutui

Mutuo casa: trova il migliore Fai un preventivo