Case in affitto sempre più care

15 gennaio 2020

Case in affitto sempre più care

A Milano il record con 19,6 euro al metro quadro mensili

A Milano il record con 19,6 euro al metro quadro mensili

Anche se gli esperti sostengono che comprare casa oggi sia più conveniente rispetto a dieci anni fa, con i mutui prima casa che, nel 2019 hanno toccato i minimi storici per quanto concerne i tassi d'interesse, gli italiani mostrano di gradire parecchio la casa in affitto, che risulta essere sempre più cara. È questo il risultato del Report affitti curato dal sito specializzato Idealista.it. Nel 2019, secondo il report, i canoni di locazione delle abitazioni, in Italia, hanno registrato un incremento piuttosto deciso, attestandosi a 9,5 euro al metro quadro di media. Gli aumenti che sono stati richiesti dai proprietari hanno segnato un +5,3% rispetto al dicembre 2018, nonostante la flessione del 2,2% dell’ultimo trimestre.

16 regioni su 20 hanno chiuso l’anno in saldo positivo. L'anno scorso, gli incrementi dell'affitto a doppia cifra hanno riguardato l'Emilia-Romagna (+13,5 %), la Lombardia (+12,4%), il Friuli-Venezia Giulia (+12%), il Trentino-Alto Adige (+11,2%) e il Veneto (+10,9%). Variazioni negative, invece, per l'Umbria (-1,7%), il Piemonte (-3,6%), la Sardegna (-3,8%) e la Valle d’Aosta (-5%).

La Lombardia è la più cara di tutte le regioni. Dal punto di vista dei prezzi è la Lombardia a detenere il record con affitti a 13,5 euro al metro quadro mensili. Seguono il Lazio, con 11,4 euro al metro quadro mensili e la Toscana con 11 euro al mq. Al contrario, i valori più bassi sono quelli della Sicilia, con 5,9 euro al metro quadro, della Calabria con 5,6 euro al metro quadro e del Molise, con 5,5 euro al metro quadro.

L’80% delle province presenta valori positivi. A fine 2019, sul fronte affitti si registrano recuperi a doppia cifra per 16 province. Si va dal 30,3% della provincia di Ravenna, fino al 10% di quella di Padova. Soltanto 18 province archiviano l'anno in saldo negativo: tra quelle che perdono di più si segnalano Enna (-10,8%), Vibo Valentia (-11,1%) e Nuoro (-16,2%).

Milano la provincia più cara, Enna la più economica. Il capoluogo lombardo guida ancora una volta il ranking provinciale dei prezzi con 17,7 euro al metro quadro, aumentando la distanza su Ravenna, che mostra un 15,1 euro al metro quadro, su Firenze e Bolzano entrambe con 14 euro al metro quadro. Dal fronte opposto della classifica, Enna è la provincia meno cara, con 4,1 euro al metro quadro, preceduta da Avellino con 4,3 euro al metro quadro e da Caltanissetta con 4,2 euro al metro quadro.

A Matera, Lecce e Novara gli aumenti maggiori... A livello di città, gli aumenti maggiori in percentuale si registrano a Matera (+16 %), a Lecce (+14,1%) e a Novara (+11,9%); i decrementi maggiori, invece, spettano a Pesaro (-11,1%), a Vibo Valentia (-13,4%) e a Enna (-17,9%). Mercato rialzista per gli affitti anche delle grandi città: notevole la crescita di Milano (+7,7%) e di Bari (+7%), ma aumenti sensibili anche a Catania (+3,8%), Bologna (+1,1%), Palermo (+0,9%), Napoli (+0,7%) e Firenze (+0,1%). Tra le grandi città vanno segnalati i decrementi di Venezia (-0,7%), quelli di Roma (-0,9%), di Genova (-1,4%) e di Torino (-3,9%).

…ma Milano resta la più cara. In virtù della crescita costante dei canoni d’affitto degli ultimi anni, Milano rimane la città più cara d'Italia per chi voglia affittare una casa, con una media di 19,6 euro al metro quadro mensili. Staccate, al secondo posto Venezia, con 16 euro al metro quadro e, terza, Firenze con 15,9 euro al metro quadro. Fra i 13 capoluoghi che superano i dieci euro al metro quadro al mese di affitto troviamo Bologna, con 13,4 euro al metro quadro, Roma con 12,9 euro al metro quadro e Napoli con 10,6 euro al metro quadro. Le città più economiche sono Enna con 4,2 euro al metro quadro, Caltanissetta e Vibo Valentia, entrambe con 3,8 euro al metro quadro mensili.

De Tommaso, Idealista.it: “Per il quarto anno di fila i canoni di locazione sono aumentati”. Nel 2019 si è registrata un'accelerazione sul fronte degli affitti, con incrementi nei canoni di locazione diffusi un po' in tutta Italia, soprattutto nel Nord, dove il dinamismo del mercato, almeno sul fronte della domanda, ha surriscaldato i prezzi. È questo il quadro della situazione secondo Vincenzo De Tommaso, responsabile Ufficio Studi di Idealista. “Da non sottovalutare - spiega De Tommaso - la domanda crescente di immobili avanzata da investitori stranieri che puntano con sempre maggiore insistenza sul mattone per far fruttare almeno parte dei capitali, attratti sostanzialmente dagli ottimi rendimenti della locazione. Da tenere d'occhio anche il dilagare dei b&b che sottraggono case al mercato degli affitti. Mettendo tutto questo assieme ecco spiegato come mai i prezzi sono in crescita”.

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Franco Canevesio Franco Canevesio, genovese, è giornalista professionista specializzato in economia e Borsa.

    All'inizio negli anni '90 si è occupato di cronaca su La Repubblica lavorando al contempo come giornalista in alcune televisioni libere liguri. A Milano è stato redattore capo di Italia-iNvest.com, primo sito italiano specializzato in economia. Ha lavorato al sito “Lettera finanziaria” di Giuseppe Turani. Sulla carta stampata ha lavorato con Affari & Finanza ed è stato caporedattore di Finanza e Mercati. Attualmente lavora a MF-Milano Finanza.