Atti notarili: in aumento le compravendite

17 settembre 2019

Atti notarili: in aumento le compravendite

Incremento dell'8% rispetto al primo trimestre 2018

Incremento dell'8% rispetto al primo trimestre 2018

Cresce il numero degli scambi sul mercato immobiliare, anche se il ritmo con cui si sta tornando ai livelli pre-crisi è ancora debole. Ad attestarlo sono i dati dell’Istat secondo i quali, nei primi tre mesi dell’anno, gli scambi sono stati trainati dalla domanda proveniente in particolare dalle regioni settentrionali e in misura più contenuta dal centro Italia.

Nel dettaglio, sulla base della raccolta dei dati provenienti da tutti i circa 5 mila notai attivi nel territorio nazionale, nel primo trimestre gli atti di compravendita sono stati complessivamente 190.904.

La crescita rispetto al trimestre precedente è in media del 2% e per il settore residenziale interessa tutte le aree geografiche del Paese: al Centro l’incremento è stato del 4,4%, nelle Isole dell’1,9%, nel Sud dell’1,7%, nel Nord-ovest dell’1,3% e nel Nord-est dell’1,2%.

Il 94,3% delle convenzioni stipulate riguarda trasferimenti di proprietà di immobili ad uso abitativo (179.993), il 5,4% riguarda immobili destinati ad uso “economico”, artigianale, commerciale, industriale, ufficio e rurale (10.221), mentre un residuo 0,4% si riferisce alle convenzioni stipulate per uso speciale e per multiproprietà (690).

Rispetto al primo trimestre 2018 le transazioni immobiliari aumentano complessivamente dell’8%: si tratta, almeno per ora, del dato più elevato se si guarda alla crescita anno su anno a partire dal primo trimestre 2017. L’espansione riguarda sia il settore abitativo (8,4%) che economico (5%).

L’incremento anno su anno interessa tutto il territorio nazionale per quanto riguarda gli immobili destinati ad uso abitativo (con il Centro che registra un incremento del 12%, il Nord-est del 10,2%, il Nord-ovest del 9,4%, le Isole del 3,8% e il Sud del 2,4%) e tutte le tipologie di comuni (nelle città metropolitane l’incremento è dell’8,7%, mentre nei piccoli centri è dell’8,2%). L’economico, che di fatto raduna tutti gli usi a fini commerciali, registra variazioni anno su anno positive al Centro (13,6%), nel Nord-est (7,8%), nel Nord-ovest (3,4%), nelle città metropolitane (8,2%) e nelle altre città (2,7%), ma vede un calo nelle Isole (2%) e al Sud (1,7%).

A sostenere gli scambi sono spesso mutui, finanziamenti e altre obbligazioni che prevedono la costituzione di un’ipoteca immobiliare (97.412): nonostante il leggero calo dello 0,8% rispetto al trimestre precedente, tali atti sono cresciuti del 3,6% su base annua. In particolare, sono cresciuti al Centro (8,5%), nel Nord-est (5,1%) e nel Nord-ovest (2,6%), mentre si sono ridotti nelle Isole (2,6%) e al Sud (0,5%).

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Rosaria Barrile Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

    In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.