Mondo mutui

16 ottobre 2018

News - Mutui e prestiti in movimento

I dati del rapporto Abi Lab

I dati del rapporto Abi Lab

Facile e veloce, come bere un caffè. Gestire le proprie finanze, aprire un conto deposito, scegliere il mutuo prima casa o pagare un bonifico, sono operazioni sempre più semplici ma soprattutto sempre disponibili in qualsiasi momento della giornata grazie all’uso del cosiddetto “mobile banking”. Cresce di contiuno il numero degli Italiani che scelgono di utilizzare i servizi bancari “a distanza” attraverso dispositivi mobili riservando la visita alla filiale tradizionale per altre finalità, tra cui ad esempio la consulenza sugli investimenti.

A rivelarlo è la stessa Associazione delle banche italiane attraverso il suo consorzio ABI Lab nel Rapporto annuale sul Mobile Banking realizzato in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano.

Dall’analisi, compiuta su un campione di utenti rappresentativi della popolazione italiana che accede ad Internet ed effettua operazioni (incluse semplici attività di consultazione) su App o sul sito in versione mobile della banca, emerge come a preferire smartphone e tablet per gestire il proprio conto o effettuare pagamenti siano soprattutto i millennials, gli utenti nella fascia di età 18-34 anni.

I clienti mobili sono dotati di elevati livelli di istruzione: il 43%, infatti, ha conseguito un diploma di scuola superiore e il 23% una laurea. Tutti hanno uno smartphone, il 92% un pc portatile, circa l’83% un tablet e il 67% un Pc fisso e una Smart TV.

Per quanto riguarda le abitudini e la frequenza di utilizzo del mobile banking, la mattina si conferma il momento della giornata preferito. La mobilità, però, viene percepita non tanto come la possibilità di effettuare operazioni tra uno spostamento e l’altro, bensì nel luogo più comodo: in questo senso, quasi a sorpresa e in apparente contraddizione, la propria casa viene indicata come il luogo ideale per operare in “mobilità”.

La ricerca sottolinea che quasi il 90% del campione dei clienti mobile ha un conto corrente e una carta bancomat, il 72% una carta di credito, il 67% una carta prepagata, il 47% i prodotti d’investimento e il 40% un conto deposito.

Secondo la ricerca l’89% degli utenti attivi fa ricorso sia ad operazioni informative (saldo di conto corrente, conto deposito, servizi di geo localizzazione etc.), che dispositive (bonifici, F24, stipendi etc.) mentre solo il 9% esclusivamente per ottenere informazioni. Lo smartphone si conferma il dispositivo preferito rispetto a pc e tablet sia per la ricerca di uno sportello automatico o della filiale più vicina (per il 69% del campione) che per controllare il saldo e la lista dei movimenti di conto corrente, conto deposito e conto titoli (per il 48%). Sul fronte delle funzionalità più innovative e recenti, il servizio di trasferimento diretto di denaro tra persone (P2P) è stato utilizzato dal 24% del campione: tra chi non ha mai utilizzato questo tipo di servizio il 47% ha dichiarato di essere abbastanza o molto propenso a farne uso.  

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Rosaria Barrile Rosaria Barrile, giornalista professionista nata a Milano e laureata in Scienze Politiche, ha iniziato nel 2004 ad occuparsi di prodotti e servizi bancari e assicurativi per conto di un periodico specializzato e da allora non ha mai smesso.

    In passato ha collaborato, tra gli altri, con il settimanale Soldi, la testata on line Etica News e il portale dedicato alle donne alfemminile.com. Ha condotto i servizi esterni della trasmissione Salvadenaro, programma di educazione finanziaria andato in onda sul canale 7Gold. Collabora attualmente con le testate on line Lamiafinanza.it, Lamiafinanza-green.it, Lamiaprevidenza.it, Banca e Mercati, e i mensili Largo Consumo e Bluerating.