Mondo mutui

10 maggio 2018

News - Casa, l'italiano vuole un rifugio confortevole

Il confort abitativo batte la tecnologie e il design

Il confort abitativo batte la tecnologie e il design

La casa, per gli italiani, resta al primo posto tra gli investimenti. Lo attestano i dati secondo cui prosegue instancabile il momento positivo del mercato dei mutui prima casa, con le erogazioni in aumento da tre anni consecutivi. E lo attesta anche la ricerca semestrale di Instapro.it, il Barometro dei servizi per la casa, secondo cui, per il 64% degli italiani, sono comodità e benessere abitativo le caratteristiche che una casa deve avere per essere considerata la casa ideale da acquistare. L’indagine di Instapro.it è stata condotta su un panel di italiani tra 30 e 65 anni, residenti nei più grandi centri urbani d’Italia.

Le donne cercano la cura dei dettagli. Soltanto il 7% degli intervistati sceglie prima di tutto lo stile e i nuovi trend di design, tanto per fare invidia agli ospiti. Il 29%  ritiene che la casa del futuro debba essere tecnologica e funzionale in modo da rendere più semplice la vita quotidiana, mentre il 64% degli italiani desidera una casa confortevole e mette al primo posto il benessere abitativo. Il 70% di questa percentuale sono donne: sono loro che ricercano maggiormente la cura dei dettagli e di quelle innovazioni  che possono aumentare la qualità della vita.

Cosa vuol dire comfort e benessere abitativo? Secondo il 63% degli italiani parlare di comfort e benessere abitativo significa concepire l'abitazione come luogo prediletto per rilassarsi o per prendersi una pausa rigenerante. Il 21% dei nostri connazionali utilizza espressamente il termine “rifugio” per indicare la casa veramente confortevole: il 35%, invece, pensa all'abitazione come a uno spazio nel quale far sentire a casa propria amici e familiari.

L'italiano vuole una casa ospitale. I numeri dell'indagine Insptpro.it dimostrano, inoltre, l'attenzione degli italiani a investire, in modo oculato e senza sprechi, per rendere la casa il più possibile ospitale. Secondo il report, infatti, negli ultimi sei mesi, da novembre 2017 ad aprile 2018, il podio della classifica sulle attività più richieste vede svettare la tinteggiatura delle pareti: seguono i lavori di idraulica e, al terzo gradino del podio, i lavori per la manutenzione di infissi e serramenti.

Le prospettive fino a ottobre 2018. Nei prossimi sei mesi, ossia fino a ottobre 2018, la classifica dovrebbe confermare al primo posto la tinteggiatura, complice anche la bella stagione, seguita dalla manutenzione degli infissi e dei serramenti e, terza, la ristrutturazione generale della casa. Gli altri settori che, secondo la ricerca, saranno oggetto d'investimento nei prossimi mesi sono, al quarto posto, il giardinaggio e, al quinto, l’antifurto-videosorveglianza.
 

    Scrivi un commento

    Preventivo mutui

    Fai un preventivo per il tuo mutuo utilizzando il nostro comparatore. Bastano 2 minuti!

    Il profilo dell'autore

    Franco Canevesio Franco Canevesio, genovese, è giornalista professionista specializzato in economia e Borsa.

    All'inizio negli anni '90 si è occupato di cronaca su La Repubblica lavorando al contempo come giornalista in alcune televisioni libere liguri. A Milano è stato redattore capo di Italia-iNvest.com, primo sito italiano specializzato in economia. Ha lavorato al sito “Lettera finanziaria” di Giuseppe Turani. Sulla carta stampata ha lavorato con Affari & Finanza ed è stato caporedattore di Finanza e Mercati. Attualmente lavora a MF-Milano Finanza.